COLONNA DI FOCA

  La Colonna di Foca, secondo l'epigrafe presente sul plin-
  to, era in origine formata dalla colonna stessa e da una 
  Statua d'oro che la sormontava, dedicata all'imperatore 
  bizantino Niceforo Foca (602-610 d.C.). La dedica della 
  colonna venne curata da Smaradgo (patrizio ed esarca bi-
  zantino). Tale monumento venne dedicato all'imperatore 
  bizantino nel 608 d.C. da parte della chiesa (Smaradgo fu
  soltanto il curatore) per ringraziarlo, secondo l'iscrizione,
  "degli innumerevoli suoi benefici, per la pace restituita 
  all'Italia e per la conservazione della libertÓ" ma soprat-
  tutto per aver donato alla Chiesa il pi¨ importante tem-
  pio pagano, il Pantheon che venne in seguito consacrato
  al culto cristiano di Santa Maria ad Martyres.
  Per la colonna in questione (alta 13.60 metri), venne uti-
  lizzata una colonna pi¨ antica, datata intorno al II secolo
  d.C., scanalata e con capitello corinzio, che molto proba-
  bilmente faceva parte di un altro monumento.
  L'importanza della colonna di Foca risiede nel fatto che 
  Ŕ stato l'ultimo monumento in ordine di tempo ad essere
  costruito all'interno del Foro. Dal 608 d.C. in poi inizi˛ il
  progressivo abbandono di questa zona, presso la quale 
  sorsero solamente edifici di culto cristiani costruiti sfrut-
  tando i monumenti pagani preesistenti.

VERSIONE SOLO TESTO

HOME